CARICAMENTO

Scrivi per cercare

Ast, Burelli ‘gela’ Marcecaglia: “Non è in pole per l’acquisto, il pressing adesso è controproducente”

Economia ed Imprese Terni

Ast, Burelli ‘gela’ Marcecaglia: “Non è in pole per l’acquisto, il pressing adesso è controproducente”

Redazione economia
Condividi

Massimiliano Burelli

TERNI – Massimiliano Burelli, ad di Ast e gestore in prima persona della trattativa di cessione dell’azienda ha parlato al quotidiano ‘ La Repubblica’  e non sono mancate le sorprese. Secondo Burelli infatti, il pressing che il gruppo Marcegaglia sta facendo per chiudere l’acquisto potrebbe essere controproducente”.

Lettera “Il gruppo Marcegaglia – sostiene – ha scritto una lettera a ThyssenKrupp nella quale manifesta l’interesse per Ast. Ne siamo contenti, direi quasi orgogliosi visto che si tratta del nostro cliente più grosso. Ma vorrei ricordare ai fratelli Marcegaglia che oltre alla loro sono arrivate anche altre manifestazioni di interesse e che essersi già presentati in città ad istituzioni e sindacati, non significa nulla. Anzi, da un certo punto di vista complica le cose”.

Burelli spiega che “ThyssenKrupp non ha ancora aperto la procedura formale e pubblica di vendita, che tra l’altro prevede la nomina di un advisor, dunque mi sembra prematuro ogni atto. Abbiamo ricevuto manifestazioni di interesse anche dal gruppo Arvedi e da due gruppi esteri che hanno chiesto riservatezza sull’identità. E a quanto ci risulta anche altre due aziende straniere starebbero preparando la lettera. Tutti avranno pari opportunità, nessuno parte in vantaggio. E’ un passo lecito, ma irrituale – conclude – che potrebbe essere frainteso. Qualcuno potrebbe pensare che già c’è un accordo, quando ovviamente non è e non può essere così”.

Per quanto riguarda un possibile ripensamento sulla vendita di Ast, Burelli e altrettanto chiaro e deciso: “La decisione ormai è presa e rientra nel più generale riassetto del gruppo, ma ancora non c’è un calendario definito, proprio perché ogni passaggio fa parte di un disegno molto più complesso che riguarda l’intera ThyssenKrupp”.

Tags:

Ti Potrebbe anche Piacere