domenica 16 Maggio 2021 - 04:03
17.2 C
Rome

Ast, anche Arvedi accelera e intanto spuntano i nomi delle cordate interessate

Arvedi ha già avuto accesso alla pre-data room, ma intanto a quanto sembra sono ormai venute allo scoperto le realtà interessate all'acquisto

TERNI – Anche Arvedi sta prendendo parte alla fase di pre data room aperta da Thysseknkrupp propedutica alla formulazione di offerte vincolanti per l’acquisto di Ast. Lo rivela Affaritaliani, confermando come il gruppo cremonese, fondato da Giovanni Arvedi, uno dei giganti del settore, sarebbe il primo vero competitor di Marcegaglia che è stato il primo ad uscire allo scoperto.

La pre-data room. Questa fase è gestita dalla grande banca d’affari JP Morgan:  il colosso tedesco fornisce documenti (scambio non completo) ai potenziali acquirenti e si protrarrà fino a giugno.,  a seconda del numero dei gruppi interessati. Dopodiché partirà la vera data room con l’analisi completa di tutti i dati societari e la presentazione delle offerte non vincolanti, fase che durerà tutta l’estate al termine della quale verrà stilata una short list di soggetti che verranno invitati a formulare le proprie offerte vincolanti. L’aggiudicazione dovrebbe avvenire fra ottobre e novembre, prima comunque della fine dell’anno, perché ThyssenKrupp vuole deconsolidare l’Ast antecedentemente alla compilazione del  nuovo bilancio.

I gruppi. Confermati gli interessi dei cinesi di Baosteel e dei coreani Posco, gli altri nomi sarebbero i finlandesi di Outokumpu, che già in passato (2012) avevano provato ad acquistare Ast ma che l’avevano dovuta rivedere a Tk su richiesta dell’antitrust europea, ed inoltre gli spagnoli di Acerinox e il colosso con base in Lussemburgo Aperam Steel ed infine gli statunitensi di United States Steel

 

- Pubblicità -spot_img

Ultime Notizie

More articles

- Pubblicità -spot_img

Ultima Ora

Agi