CARICAMENTO

Scrivi per cercare

Assisi, un viaggio nelle campagne emiliane sule note dei Violini di Santa Vittoria

Eventi Cultura e Spettacolo Assisi Extra Città

Assisi, un viaggio nelle campagne emiliane sule note dei Violini di Santa Vittoria

Redazione cultura
Condividi

Ritratto di gruppo dei Violini di Santa Vittoria - foto ufficio stampa Piccolo Teatro degli Instabili

ASSISI – Si terrà al Piccolo Teatro degli Instabili di Assisi giovedì 21 marzo alle ore 21.15 “Denominazione d’origine popolare”, spettacolo-concerto a cura di I Violini di Santa Vittoria che condurrà il pubblico in un bellissimo viaggio nelle campagne emiliane. Nei primi decenni dell’Ottocento si diffondono nuovi balli di origine popolare. Sono il valzer, la mazurca, la polca. Musiche che arrivano da lontano e che subito innestano le loro melodie, i ritmi, e soprattutto un nuovo modo di fare musica, sul tronco di una cultura arcaica e contadina. Nasce il liscio e a Santa Vittoria di Gualtieri (RE) questa nuova tradizione musicale prende la forma di un fenomeno unico nel suo genere. Si suona con gli strumenti ad arco, in piccoli gruppi orchestrali di cinque elementi che prendono vita quasi in ogni famiglia. Sul finire del secolo questo piccolo borgo ha già assunto i contorni della leggenda, diventando nell’ immaginazione degli uomini della bassa “il Paese dei Cento Violini”. Le maggior parte delle musiche che verranno eseguite, tutte originali, appartengono alla famiglia Bagnoli, una delle più importanti e rappresentative della storia di Santa Vittoria. Sono valzer, mazurche, polche, tanghi, e onestep, scritti tra gli anni venti e trenta del Novecento, ricostruiti come testimonianza del gusto musicale di un’epoca. Un lavoro di arrangiamento che è servito a ridar vita a musiche dimenticate, nel rispetto della loro originaria freschezza. Lo spettacolo si arricchisce anche di un tessuto narrativo che introduce e accompagna passo passo lo spettatore all’interno della vicenda storica. In una sorta di omaggio ai filò di stalla viene snodata la memoria di una terra che non è soltanto uno spazio geografico ma anche e soprattutto un pezzo di cultura del nostro Paese. Oggi questa tradizione torna a vivere nel quintetto d’archi: tre violini (Davide Bizzarri-Orfeo Bossini-Roberto Mattioli), la viola (Ciro Chiapponi), il contrabbasso (Fabio Uliano Grasselli), dove oltre al semplice concerto si aggiunge la narrazione (e fa la differenza) con la voce di chi ne ha scritto anche i testi, Orfeo Bossini.

Prenotazioni: 333 7853003 – 335 834109

Tags:

Ti Potrebbe anche Piacere

Prossimo