CARICAMENTO

Scrivi per cercare

Assisi, arrestati cinque operatori di una comunità per malati psichici: sono accusati di maltrattamenti

Cronaca e Attualità

Assisi, arrestati cinque operatori di una comunità per malati psichici: sono accusati di maltrattamenti

Pierpaolo Burattini
Condividi

ASSISI  – Presunti maltrattamenti su alcuni ospiti di una comunità per malati psichici nella zona di Assisi. E’ questa l’accusa che ha portato agli arresti domiciliari cinque operatori, il titolare invece è accusato di non aver adeguatamente vigilato. La notizia viene riportata dall’Ansa. Secondo l’agenzia di stampa la comunità, gestita da una onlus, è stata posta sotto sequestro pur rimanendo attiva con personale e dirigenti diversi. All’inchiesta del Nas è seguita l’ordinanza di custodia cautelare del gip di Perugia dinanzi al quale lunedì inizieranno gli interrogatori di garanzia. Uno degli indagati è difeso dall’avvocato Luca Gentili che ha dichiarato all’Ansa: “C’è massimo rispetto del segreto investigativo, l’indagine è in una fase iniziale. Il mio assistito non ha comunque mai saputo di presunti maltrattamenti che sarebbero tuttavia addebitati a due o tre operatori (sulla trentina presenti complessivamente) mentre agli altri verrebbe addebitato una sorta di concorso morale”. Secondo quanto appreso dall’agenzia l’indagine sarebbe scaturita dalle dichiarazioni di alcuni operatori. I militari hanno eseguito intercettazioni ambientali e riprese video. I presunti maltrattamenti sarebbero consistiti in capelli e braccia tirati. Secondo il Tgr dell’Umbria le indagini sono state coordinate dal sostituto procuratore Michele Adragna.