mercoledì 8 Febbraio 2023 - 02:01
19.7 C
Rome

Assisi, il ministero della Cultura ha destinato 1,8 dei circa 200 milioni di euro alla città

Sono destinati a una "nuova e più organica" fruibilità storico, culturale e religiosa

ASSISI – Il ministero della Cultura ha destinato ad Assisi 1,8 dei circa 200 milioni di euro stanziati con la Programmazione strategica 2021-2023 “Grandi progetti beni culturali”. Sono destinati a una “nuova e più organica” fruibilità storico, culturale e religiosa. I progetti sono stati varati dal ministro della Cultura Dario Franceschini e approvati in Conferenza unificata Stato – Regioni. “Il recupero e la valorizzazione del patrimonio culturale – ha spiegato lui stesso – è uno degli assi fondamentali su cui si fonda la crescita economica e sociale del Paese. Questo intervento rientra tra i 38 progetti strategici che il ministero ha portato in Conferenza Stato-Regioni a conferma della centralità della cultura nell’azione di politica economica del governo”.

Progetto di recupero

Ad Assisi il finanziamento è dedicato al complesso progetto di recupero e valorizzazione dell’antico Episcopio, alla realizzazione del Santuario della Spogliazione, del Museo della Memoria, al restauro della Cinta muraria del terzo secolo e al miglioramento dell’accessibilità della Domus di Properzio, “per una migliore e più organica” fruizione dell’intero vescovado e della chiesa di Santa Maria Maggiore. Nella prospettiva delle celebrazioni per gli ottocento anni dalla morte di San Francesco, nel 2026, per le quali lo stesso MiC – si legge in una sua nota – ha istituito un comitato nazionale, gli interventi sono considerati “un’opportunità per garantire al visitatore una maggiore leggibilità del contesto storico, sociale e religioso della città”. Attraverso lavori di restauro e risistemazione della cinta muraria e di tutte le aree ad essa esterne, sarà possibile creare un percorso organico, arricchito dalla realizzazione del Museo della Spogliazione e dal Museo della Memoria, e dal nuovo accesso alla Domus, dove saranno musealizzati i reperti delle aree archeologiche, il tutto dotato di impianti atti a farne un uso polivalente, anche come auditorium.

- Pubblicità -spot_img

More articles

Ultime Notizie

- Pubblicità -spot_img

Ultima Ora

[hungryfeed url="http://www.agi.it/cronaca/rss" feed_fields="title" item_fields="title,date" link_item_title="0" max_items="10" date_format="H:i" template="1"]