CARICAMENTO

Scrivi per cercare

Assisi, controlli a tappeto da parte dei carabinieri: raffica di denunce

Cronaca e Attualità Assisi Città

Assisi, controlli a tappeto da parte dei carabinieri: raffica di denunce

Redazione
Condividi

Un pattuglia dei carabinieri

ASSISI – La notte scorsa ha visto i Carabinieri della Compagnia di Assisi impegnati in un servizio  straordinario di controllo del territorio: ottanta mezzi e cento le persone identificate, a cui devono aggiungersi quelli riguardanti almeno 20 soggetti sottoposti a misure alternative alla detenzione, cautelari e di prevenzioneCinque le persone che, dopo essere incappate nei controlli dei militari, sono state denunciate alla per reati che vanno dalla detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti alla violazione della normativa in materia di armi, di immigrazione ed alla guida in stato di ebbrezza. I carabinieri hanno controllato un giovane residente a Cannara che occultava una modica quantità di hashish all’interno delle tasche dei pantaloni: l’atteggiamento del ragazzo, gravato da precedenti, ha indotto gli operanti ad approfondire gli accertamenti estendendo la perquisizione ai locali della sua abitazione. L’attività ha permesso di recuperare altri dieci grammi della medesima sostanza, un bilancino di precisione usato per il confezionamento dello stupefacente e numerose strisce  di carta stagnola utilizzata per preparare le dosi  droganti. Anche un altro ventenne originario di Cannara è stato trovato in possesso di un modesto quantitativo di droghe leggere: per lui è scattata invece la segnalazione all’Utc quale assuntore di stupefacenti. L’attività di controllo alla circolazione stradale ha portato poi alla denuncia in stato di libertà di un ventenne bastiolo, messosi alla guida con un tasso alcolemico superiore al massimo consentito per legge. Per lui è scattata la denuncia alla Procura ed il ritiro immediato della patente di guida. Altri due giovani, residenti rispettivamente ad Amelia  e a Bettona, sono stati denunciati per porto abusivo di un coltello di ‘genere proibito’ ed altre violazioni in materia di armi: il primo occultava un coltello con lama di dieci centimetri all’interno dell’autovettura a bordo della quale viaggiava, mentre il secondo non provvedeva a regolarizzare  presso le Autorità competenti la denuncia delle munizioni da lui detenute. Per quanto concerne infine il rispetto della normativa in materia di immigrazione i militari impegnati nel dispositivo hanno fermato una giovane nigeriana non in regola: per lei, priva del permesso di soggiorno e di altri documenti che ne comprovassero le generalità dichiarate, è scattata la denuncia.