CARICAMENTO

Scrivi per cercare

Asm Terni, Usb denuncia: bilanci aziendali in sofferenza, palazzo Spada non paga

Terni Politica

Asm Terni, Usb denuncia: bilanci aziendali in sofferenza, palazzo Spada non paga

Andrea Giuli
Condividi

Asm Terni

TERNI – Quadro a tinte assai finché quello dipinto dall’Unione sindacale di base ternana sulla situazione attuale dell’Asm. Il 26 gennaio scorso, infatti, si è tenuto un incontro sindacale tra i vertici di Asm Terni e l’Usb sul “Piano medio termine e budget 2017 dell’azienda”.

Riorganizzazione e piano economico “I rappresentanti di Asm – simlegge in una nota dell’Usb – dopo avere comunicato che si è proceduto ad una riorganizzazione interna a livello dirigenziale, hanno illustrato il piano che dovrà essere sottoposto al Comune di Terni, proprietario unico dell’azienda, e che attiene agli investimenti quali la gara del gas, la fibra ottica, l’illuminazione pubblica, la raccolta differenziata e l’impiantistica relativa. E’ stata evidenziata la volontà di proseguire nei processi di reinternalizzazione e riduzione dei servizi esterni e di consolidare la propria presenza sul mercato nei diversi settori”.

I Comuni non pagano Quindi la nota larticolarmente dolente: “E’ estremamente difficile il quadro finanziario dell’Asm, a causa dei mancati pagamenti da parte di molti Comuni del territorio, primo fra tutti il Comune di Terni, ed abbiamo sollecitato ognimpossibile strategia per recuperare i crediti. Abbiamo concentrato l’attenzione sulle maggiori criticità, quali il pericolo della privatizzazione di Asm. Restano aperte inoltre le problematiche relative ad Umbria Energy, alla pubblica illuminazione ed alla gara “gas”, con la posizione ancora incerta di Acea e la complessa questione del passaggio di dipendenti Asm ad Umbria Distribuzione Gas”.

Condizioni di lavoro “Abbiamo da ultimo sottolineato – conclude la nota – la necessità di un miglioramento delle condizioni lavorative dei dipendenti, la salvaguardia delle professionalità acquisite, l’incremento dei livelli occupazionali e degli investimenti. Il nostro obiettivo è quello di un reale recupero salariale che compensi quanto perso dai lavoratori con l’ultimo rinnovo del contratto nazionale che ha visto incrementare l’orario di lavoro senza alcun riscontro economico. In Asm gira dunque un ‘cerino’: l’impegno dell’Usb è quello di evitare che resti in mano ai lavoratori”.

Tags:
Andrea Giuli
Andrea Giuli

Redattore

  • 1

Ti Potrebbe anche Piacere