CARICAMENTO

Scrivi per cercare

Area complessa e ammortizzatori, summit al Mise: qualche spiraglio ancora per Terni e Narni

Politica

Area complessa e ammortizzatori, summit al Mise: qualche spiraglio ancora per Terni e Narni

Andrea Giuli
Condividi

TERNI – L’annosa vicenda del riconoscimento dello status di area di crisi complessa per Terni-Narni, così come quella, più recente, dell’estensione della cassa integrazione straordinaria per il 2017 anche a determinati comprensori umbri, sono state al centro oggi pomeriggio di un incontro al Mise con il ministro Calenda, il sottosegretario De Vincenti, il sindaco di Terni, Di Girolamo, il senatore ternano Gianluca Rossi e il vicepresidente della giunta regionale, Paparelli.

Un summit già annunciato e programmato da qualche tempo che, stando a quanto fatto trapelare dagli stessi Paparelli e Rossi, ha avuto se non altro il pregio di spiegare una volta ancora al ministro la necessità di determinate garanzie per l’Umbria, a fronte di un impegno concreto e ancora maggiore dei vari attori territoriali. In altre parole, a quanto pare, se la partita del riconoscimento dell’area di crisi complessa e degli ulteriori ammortizzatori resta complicata, l’incontro di oggi è servito a rimettere il discorso in carreggiata, grazie ad un’opera di miralo sua suon rispetto al ministro stesso, e a tentare di portare a casa il risultato che ancora non è scontato. L’istruttoria sull’area complessa sta per terminare, ma serviranno ancora un po’ di giorni. Nel frattempo – fanno capire Paparelli e Rossi – ci sono i margini per giocarsi le proprie carte fino in fondo è con un pizzico di fiducia in più. Vedremo a breve. La campanelle dell’ultimo giro è suonata.

Andrea Giuli
Andrea Giuli

Redattore

  • 1