CARICAMENTO

Scrivi per cercare

Araba Fenice, appuntamento con Tango Nuevo e Magnasco Trio

Terni Cultura e Spettacolo Extra

Araba Fenice, appuntamento con Tango Nuevo e Magnasco Trio

Redazione cultura
Condividi

TERNI – Secondo appuntamento con la stagione concertistica de L’Araba Fenice di Terni.  Dopo la grande apertura con il pianista russo Alexei Nabioulin, sabato 26 novembre a Guardea alle 17.30 e domenica 27 novembre a Terni al Gazzoli, l’associazione ternana, propone un vibrante concerto dedicato al Tango e Nuovo Tango argentino.

Ospiti tre musicisti componenti il Magnasco Trio con Alessandro Magnasco al pianoforte, pianista dall’esperienza internazionale, Andrea Cardinale al violino musicista dalle spiccate qualità tecniche e Gianluca Campi alla fisarmonica, Campione del Mondo nel 2001 del suo strumento. Questo doppio appuntamento è parte di un ciclo che Araba Fenice ha denominato: ”Viaggio fra le due Americhe” e che vedrà l’esibirsi di altri quattro gruppi di musicisti classici che si cimenteranno in programmi che spaziano da Gershwin a Henry Mancini a Cole Porter e poi Gardel, D’Arienzo, e naturalmente Astor Piazzolla, l’inventore del Nuevo Tango.

Il concerto del Magnasco Trio avrà un programma pieno di passione, a cominciare con una serie di brani di Piazzolla stesso: dalla Milonga in re maggiore, a Tanti anni Prima a Invierno porteño celebre brano delle Cuatro estaciones porteñas. Per poi proseguire con Michelangelo ’70, brano che faceva parte di un album intitolato Nuevo Tango: Hora Cero uscito nel 1986 e che ebbe grandi lodi dalle più prestigiose riviste del settore “rock” tipo Rolling Stones e The Village Voice che ne lodarono in esso la perfetta fusion tra musica classica, jazz e rock. A seguire sempre di Piazzolla verranno eseguiti altri quattro brani famosi: Chiquilin de Bachin, la Milonga de la Anunciación, Soledad ed infine il suo brano più celebre: Libertango, considerato uno dei brani più belli del secolo. Nel 1998, Libertango vinse il Grammy Award come miglior composizione strumentale dell’anno. Piazzolla diceva a proposito delle sue composizioni: “Non è musica al sapore di miele, no. Ha un sapore amaro. Il tango è così, non ha niente di dolce, è molto amaro”.

Ma il Magnasco Trio eseguirà anche brani del più amato fra i compositori di Tango Argentini, quel Carlos Gardel, che scrisse tra l’altro “Por una Cabeza” che narra di un giocatore alle corse di cavalli che paragona la sua dipendenza dal gioco a quella per le donne. Por una cabeza significa “per un incollatura.

Di Juan D’Arienzo sarà eseguita Milonga de mis amores Una milonga di altri tempi. Alla fine della canzone il cantore è sopraffatto dalla nostalgia. Tanto da dichiararare. “Milonga, ya no puedo continuar… El llanto me venció”, milonga, non posso continuare … Mi vinse il pianto. Molto, molto triste! Ma tutto in perfetto stile e clima “tanguero”.

Chiusa del concerto con un brano del francese Richard Galliano “Tango per Claude”. Il papà di Galliano, Luciano, era un suonatore di fisarmonica di origine italiana, che si era trasferito a Nizza. Richard già dall’età di 14 anni aveva iniziato ad ascoltare jazz, affascinato soprattutto dal grande trombettista Clifford Brown. Ha accompagnato grandi come Juliette Greco e Charles Aznavour. Nel 1991 incide in quartetto New Musette, autentico album-manifesto che gli fa guadagnare la prima fama internazionale.

 

Tags:

Ti Potrebbe anche Piacere