CARICAMENTO

Scrivi per cercare

Amelia, casa in centro storico dipinta di azzurro, Italia Nostra: “Scempio, spieghino”

Cronaca e Attualità Narni Orvieto Amelia Extra

Amelia, casa in centro storico dipinta di azzurro, Italia Nostra: “Scempio, spieghino”

Redazione
Condividi

AMELIA – Italia Nostra va all’attacco contro quello che ritiene un danno ad un edificio del centro storico di Amelia. Il riferimento è all’edificio in via della Repubblica che è stato tinteggiato di azzurro. In una dura nota, il presidente Massimiliano Bardani parla di ‘scempio’: “Quello che ci preoccupa – scrive in una nota l’associazione – è che possa fornire  fornire esempio e modello ad un’incontrollata anarchia del colore, destinata a cancellare la compatta identità del centro urbano, tanto più grave se dovesse estendersi a facciate visibili dall’esterno della città”

Spiegazioni.  Italia Nostra ha chiesto lumi ai due enti coinvolti, Comune di Amelia e Soprintendenza Archeologica, Belle Arti e Paesaggio dell’Umbria e anche alla Direzione generale Archeologia Belle Arti e Paesaggio del Ministero dei Beni Culturali: “In un centro storico – proseguono –  l’uso di materiali e colori non compatibili con quelli tradizionali è una minaccia per la salvaguardia del patrimonio storico e artistico del territorio. Prima di assentire all’uso di colori, in particolare, è necessario campionare edifici rappresentativi delle architetture e delle coloriture storiche, sottoponendoli ad adeguate analisi chimico-fisiche, corroborandone i risultati con la ricerca archivistica e documentale. Nell’intervento effettuato, non solo  l’intonaco è stato steso in modo non uniforme, lasciando scoperti scampoli di facciata in corrispondenza di preesistenze architettoniche non tutte “apprezzabili per quantità e consistenza”ma, soprattutto, è stato tinteggiato con un colore del tutto incongruo rispetto agli altri edifici della strada e alieno alla tradizione del centro storico amerino: un azzurro più adatto alla tavolozza di Portofino, che ad un antico centro dell’Umbria rurale”.