CARICAMENTO

Scrivi per cercare

Albero di Natale più grande del Mondo, Nespoli: “Il vostro è un lavoro straordinario”

Cronaca e Attualità Alta Umbria Extra EVIDENZA2 Città

Albero di Natale più grande del Mondo, Nespoli: “Il vostro è un lavoro straordinario”

Redazione
Condividi

GUBBIO – L’Albero di Natale più grande del Mondo torna a dominare sul Monte Ingino. Nel pomeriggio del 7 dicembre, l’abete dei record e l’immensa stella cometa posizionati sulla montagna che sovrasta la Città dei Ceri, è tornato a splendere per la 37esima volta. L’accensione di quest’anno è stata dedicata alla scienza e al progresso tecnologico, rappresentato dalla collaborazione tra Agenzia spaziale europea e Agenzia spaziale italiana.

Nespoli Ad accendere simbolicamente le oltre mille luci dell’Albero di Gubbio, è stato l’astronauta Paolo Napoli che dallo spazio ha inviato un videomessaggio per salutare e ringraziare tutti i presenti: “Mando un saluto a tutti voi dallo spazio, soprattutto agli alberaioli. Vivere e lavorare nello spazio è qualcosa di incredibile – ha detto lo scienziato -, movimenti semplici diventano difficili, mentre quelli impossibili si trasformano in normalità. Questa avvenuta è la dimostrazione che quando si lavora insieme si possono raggiungere traguardi impossibili. Questo vale anche per tutti voi, che ogni anno offrite questo meraviglioso spettacolo. Vi invio un abbraccio spaziale e auguro a tutti voi buone feste e buon Natale”.

Costantini Un ringraziamento a tutti i volontari che ogni anno si impegnano per far diventare realtà l’Albero dei record, è stato fatto dal presidente del comitato, Lucio Costantini: “Questa serata è il coronamento di un lavoro molto lungo e faticoso, che riusciamo a portare a termine grazie all’unità del gruppo degli alberaioli”.

Stirati Orgoglio è stato espresso pure dal primo cittadino eugubino, Filippo Mario Stirati: “E’ un giorno speciale per la nostra città, per l’Umbria e l’Italia intera. Grazie agli alberaioli, patrimonio di Gubbio. Anche quest’anno, con l’accensione dallo spazio, tocchiamo un altro primato”.

Paolucci Bedini Infine è stata la volta del nuovo vescovo di Gubbio, monsignor Luciano Paolucci Bedini: “Per la prima volta prendo parte a questo grande spettacolo di gioia e per questo sono molto emozionato. Quello che accendiamo è un grande albero di luce e per accendere le cose grandi, serve l’aiuto di tutti quanti noi. Accendiamo qualcosa che ci unisce e che fa splendere il bene fra noi”.