CARICAMENTO

Scrivi per cercare

Al Teatro Subasio di Spello va in scena la carnalità dell’Inferno

Eventi Cultura e Spettacolo Foligno Spoleto Extra Città

Al Teatro Subasio di Spello va in scena la carnalità dell’Inferno

Redazione cultura
Condividi

foto ufficio stampa Fontemaggiore

SIPARIO UMBRIA – Appuntamento dedicato agli amatori di Dante e della Divina Commedia (e non solo) al Teatro Subasio di Spello il prossimo giovedì 20 aprile alle ore 21.15 dove, nell’ambito della Bella Stagione curata da Fontemaggiore Centro di Produzione Teatrale, andrà in scena Inferno. Sul palco, sei attori e una voce per dare vita ai versi di Dante in uno spettacolo che conduce il pubblico (anima e corpo) nelle atmosfere dell’Inferno: un viaggio immaginifico attraverso i suoi luoghi e i suoi personaggi, non solo quelli più celebri. Se il personaggio di Dante non è presente fisicamente, ma solo attraverso la sua poesia, (recitata magistralmente dalla voce fuori campo di Claudio Carini), è invece proprio la “carnalità” dell’Inferno ad essere messa in rilievo: non solo Virgilio, che parla accompagnato da una studiata sequenza di e gesti movimenti, ma soprattutto i dannati prendono vita attraverso la forza dei corpi e delle azioni degli attori.

“Nel mezzo del cammin di nostra vita – raccontano le autrici – così comincia la Divina Commedia, con un verso che tutti conosciamo. L’aggettivo “nostra” ci rende partecipi dell’esperienza: questo viaggio non riguarda Dante come individuo, ma come rappresentante del genere umano. Da questa considerazione parte la messa in scena: Dante è poeta e la sua essenza risiede nei versi, da qui la scelta di rappresentarlo solo attraverso la voce. Il viaggio al contrario, con i suoi incontri esemplari e i suoi luoghi, riguarda tutti, attori e pubblico. Dante è quindi una voce che immancabilmente e a volte implacabilmente restituisce una suggestione, un dolore, l’orrore in cui il pubblico si rispecchia. Il compito di Virgilio, perciò, diviene ancor più fondamentale: egli non è solo guida, pungolo e conforto di Dante, ma diventa tramite unico tra il pubblico e l’azione teatrale”.

SCHEDA: drammaturgia di Valentina Renzulli, regia di Beatrice Ripoli, con Amedeo Capitanelli, Maurizio Castellani, Lorenzo Minciarelli, Valentina Renzulli, Beatrice Ripoli, Matteo Svolacchia, produzione Fontemaggiore. PRENOTAZIONI: Fontemaggiore 075. 5286651 – Teatro Subasio 0742.301689 (solo il giorno dello spettacolo dalle ore 18).

Tags:

Ti Potrebbe anche Piacere