CARICAMENTO

Scrivi per cercare

Al teatro Mancinelli di Orvieto le note della musica classica irlandese e italiana

Eventi Cultura e Spettacolo Narni Orvieto Amelia Extra Città

Al teatro Mancinelli di Orvieto le note della musica classica irlandese e italiana

Redazione cultura
Condividi

ORVIETO – Dopo il successo dello scorso anno, il maestro Frank Corcoran torna al Ridotto del teatro Mancinelli di Orvieto e lo fa il prossimo 14 luglio (ore 21) con Il Concerto di Dublino, evento dedicato alla musica classica irlandese e italiana. Adele Govier (prima viola della National Simphony Orchestra di Dublino) e il pianista R.T.E. Fergal Caulfield presenteranno un programma misto per viola e pianoforte con opere italiane e irlandesi, tra cui Puccini, Esposito e la prima dell’opera di Corcoran dal titolo “Hot Dialogues” per viola e pianoforte. Lo stesso Maestro parteciperà al concerto introducendo le opere e i musicisti, in questo appuntamento che si annuncia come imperdibile evento per gli amanti della musica classica.

Il programma della serata

  • Lili Boulanger (1893-1918) “Nocturne” per Viola & Piano (1911)
  • Frank Corcoran “Hot Dialogues” (2017 – 3 Movements) prima esecuzione assoluta
  • Giacomo Puccini (1858-1924) “Foglio d’Album” (c.1910?)
  • Chris Corcoran “Deep Blue Windows” (2018) per Viola e Pianoforte – prima esecuzione assoluta
  • Luciano Berio “Wasserklavier” (1965) per Pianoforte Solo
  • Petr Eben (1929-2007) Fantasia sopra “Rorate Coeli” (1982) per Pianoforte Solo
  • Michele Esposito (1855-1929) “Tramonto ” per solo Piano, Op.61 No.3 (1912)
  • George Enescu(1881-1955) “Konzertstueck” per Viola e Pianoforte (1906)

Da molti anni il maestro Corcoran organizza il Concerto di Dublino coinvolgendo alcuni dei suoi amici musicisti della National Symphony Orchestra di Dublino. Quest’anno, oltre al concerto in programma il 14 luglio al Mancinelli, viene presentato anche un secondo concerto a Bolsena, nel Piccolo Teatro Cavour, il 15 luglio. Una grande occasione, dunque, per ascoltare uno dei massimi compositori contemporanei che ha scelto la nostra terra per lavorare e trovare l’ispirazione necessaria per la composizione. Frank Corcoran è nato nel 1944 a Tipperary, in Irlanda. Ha studiato a Maynooth, Dublino, Roma e Berlino (con Boris Blacher). Insegna ad Amburgo dal 1983, ed è stato Fulbright Professor negli Stati Uniti nel 1989-1990. I suoi lavori sono stati eseguiti e trasmessi regolarmente in Europa, Stati Uniti, Australia e Asia. È stato premiato con numerosi riconoscimenti internazionali per la sua opera, tra i quali il Premier Prix del Bourges Festival nel 1999 con Sweeney’s Vision; l’EMS Prize a Stoccolma nel 2002 con Quasi Una Missa; il Cork International Festival nel 2012 con Two Unholy Haikus; e il First Prize dell’International Foundation for Choral Music con Eight Haikus. Tra le opere più recent: Cello Concerto (2015, Dublino); Quasi Una Storia for String Orchestra (2015, New York); Eight Haikus (2013, Manila); Violin Concerto (2012, National Symphony Orchestra of Ireland); Quasi una Sarabanda (2011, Basilea, Zurigo, Berna); Song of Terror and Love (2011, New York). Membro dell’Accademia delle Arti di Irlanda, vive e lavora nella campagna di Bagnoregio da circa dieci anni.

Informazioni e prenotazioni al botteghino del teatro Mancinelli.

Tags:

Ti Potrebbe anche Piacere