CARICAMENTO

Scrivi per cercare



Al PostMod di Perugia e alla Pegasus di Spoleto l’assegnazione del Premio Lizzani

Perugia Cinema Cultura e Spettacolo Foligno Spoleto Extra Città

Al PostMod di Perugia e alla Pegasus di Spoleto l’assegnazione del Premio Lizzani

Redazione cultura
Condividi

PERUGIA – SPOLETO – Anche l’Umbria protagonista alla 75esima Mostra del Cinema di Venezia grazie ai gestori dei due cinema vincitori ex-aequo del Premio Lizzani, PostModernissimo e Pegasus, come “esercenti più coraggiosi dell’anno”. L’associazione Nazionale degli Autori Cinematografici, presieduta da Francesco Ranieri Martinotti, insieme a Flaminia e Francesco Lizzani, ha infatti individuato nelle sale di Spoleto e Perugia i due team di giovani gestori che meglio hanno operato per valorizzare il cinema di qualità, in particolare quello italiano. Le due sale umbre sono attive anche nell’organizzazione di cicli di incontri con attori e registi, come FuoriPost a Perugia e Visioni d’Autore a Spoleto, con i quali entrambe le sale portano “concretamente” il cinema presso le comunità di appassionati e neofiti. I gestori umbri sono quindi stati al centro della cerimonia di consegna del premio collaterali Carlo Lizzani, dopo esser stati chiamati a votare il vincitore: la scelta è ricaduta su Capri-Revolution di Mario Martone.

“In Capri-Revolution, ‘Storia’ e ‘storia’ si incontrano ancora – hanno spiegato gli staff di PostModernissimo e Pegasus – L’universale e il particolare creano una dimensione straordinaria, dove cinema, teatro e danza si intrecciano nel racconto di una rivoluzione culturale che non trova pace se non nella ricerca, nella curiosità e nella scoperta del cambiamento. Una rivoluzione e una donna che assumono il volto e la ragione di un’epoca, la nostra, stretta in una morsa che riporta alla memoria gli echi e gli incubi delle tragedie del primo Novecento”.

“Siamo contenti che la giuria abbia premiato questo film con una forte connotazione d’autore come quella di Mario Martone – hanno dichiarato Flaminia e Francesco Lizzani, consegnando il premio al regista – un’opera rigorosa e audace allo stesso tempo, sceneggiata insieme a Ippolita Di Majo“.

Il premio, che consiste in una targa disegnata da Ettore Scola per la prima edizione, è stato consegnato ieri (7 settembre) presso l’Hotel Excelsior al Lido di Venezia, alla presenza del presidente della Biennale, Paolo Baratta, del sottosegretario, sen. Lucia Borgonzoni, e del presidente della Roma Lazio Film Commission, Luciano Sovena e di Flaminia Lizzani. Il premio è realizzato con il sostegno di Roma Lazio Film Commision e Raggio Verde.

Tags:

Ti Potrebbe anche Piacere