CARICAMENTO

Scrivi per cercare

Al Piccolo degli Instabili di Assisi la stagione dello ‘spirito libero’

Eventi Cultura e Spettacolo Assisi Città

Al Piccolo degli Instabili di Assisi la stagione dello ‘spirito libero’

Redazione cultura
Condividi

SIPARIO UMBRIA – Dieci gli appuntamenti che andranno a comporre il cartellone in scena per la stagione 2017/2018 al Piccolo Teatro degli Instabili di Assisi. “Spirito libero – ha detto la direttrice artistica Fulvia Angeletti dopo quindici anni è questo che ci contraddistingue, fin da quando mio padre Carlo Angeletti, col nome “Piccolo Teatro degli Instabili”, ha fatto della libertà un valore irrinunciabile. La libertà di inseguire il proprio sogno e dietro di esso volare, grazie al coraggio e al potere dell’immaginazione. E noi siamo qui a rinnovare ancora il sogno di tenere vivo questo teatro”. Ad aprire il sipario il 16 novembre sarà un regista molto legato alla città serafica, Maurizio Schmidt che con Marco Sgrosso, Elisabetta Vergani e la band “Tano e l’ora d’aria” porteranno sul palco, freschi di debutto milanese al Teatro Out/Off Sketches & Short Palys, un viaggio attraverso dodici componimenti brevi del grande drammaturgo inglese Harold Pinter. Il 7 dicembre altro spettacolo nuovo dedicato all’indimenticabile Eleonora Duse: La musica dell’anima interpretato dalla nota Pamela Villoresi, accompagnata al pianoforte dalle note del maestro Marco Scolastra. Un dialogo appassionato tra recitazione e musica restituisce la storia piena di luci e ombre della Duse, intrecciandosi ai più grandi protagonisti dell’Italia tra ‘800 e ‘900. Il 28 dicembre Giancarlo Bloise “calcherà le tavole del palcoscenico” degli Instabili con il suo Cucinar ramingo, spettacolo di “teatro cucina vagante”. Il nuovo anno aprirà il 14 gennaio con un appuntamento molto speciale, Il canto della tenebra a cura di Point Zero. Un dialogo tra il sommo pittore Caravaggio e il grande poeta greco Sofocle, sul mistero assoluto della vita e della morte, attraverso una Lectio sulla “Deposizione di Cristo” tenuta dal Prof. Valter Alovisio e una lettura spettacolarizzata di “Edipo Re” con Ivan Alovisio e Stefano Risso al contrabbasso. Il Giorno della Memoria (28 gennaio) sarà occasione di assistere alla produzione della Compagnia Occhisulmondo e Fontemaggiore di Perugia, Quando c’era Pippo, tratto dal diario di Giulia Re, partigiana e staffetta. Uno spettacolo di teatro ragazzi arrivato finalista al Premio Scenario Infanzia. Il 2 febbraio sarà la volta di Alberto Astorri e Luca Zacchini diretti dal pluripremiato regista Massimiliano Civica con Un quaderno per l’inverno di Armando Pirozzi che ha come tema centrale la scrittura e la sua possibilità di incidere direttamente sulla realtà attraverso la forza miracolosa della poesia e della carica vitale che suscita nelle persone. Maniaci d’Amore (Francesco D’Amore e Luciana Maniaci) in arrivo il 26 febbraio con il cult Il nostro amore schifo, un’indagine arguta e umoristica sul sentimento intricato della gioventù: una parabola sull’amore al tempo della fine di ogni certezza, una carrellata irresistibile e ironica su una “non-storia” d’amore piena di alti e bassi. Il 1 marzo spazio al jazz con la réunion eccezionale che vedrà in Duo Maria Pia De Vito e Rita Marcotulli. La loro è una musica senza confini, dove il suono crea emozioni e poesia. Il 15 marzo Eppur mi son scordato di te, scritto da Gianni Clementi, vedrà protagonista Paolo Triestino interprete e regista di un ritratto divertente, originale e commovente, la cui storia incontra la Storia, accompagnata dalle canzoni di Lucio Battisti. Ancora, dal 24 al 27 maggio ad Assisi prenderà il via il nuovo festival dedicato al mondo della narrazione per bambini e ragazzi Birba chi legge – Assisi fa storie, occasione unica per animare la città e il palcoscenico assisano con tanti spettacoli, incontri e laboratori. A chiudere la stagione il prossimo 8 giugno sarà l’attesissimo spettacolo di Roberto Latini, Cantico dei Cantico, inserito all’interno di Strabismi Festival, importante vetrina di teatro contemporaneo arrivata alla sua quarta edizione. Nato a Foligno grazie all’impegno e passione del Collettivo Strabismi, nel 2018 il fesival coinvolgerà altre due città, Assisi (Piccolo Teatro degli Instabili) e Cannara (teatro Thesorieri). Cantico dei cantici, messo in scena da Roberto Latini, considerato da critica e pubblico come uno dei più geniali artisti della scena italiana, è un inno alla meraviglia dell’amore che si fa danza e libertà, un bolero tra ascolto e relazione, astrazione e concretezza, un balsamo per corpo e spirito.

Tre i laboratori: due di Recitazione a cura di Corinna Lo Castro, da ottobre a dicembre 2017, e Francesco Bolo Rossini, da gennaio a marzo 2018, e il Laboratorio teatrale per bambini da 6 a 10 anni a cura di Giulia Zeetti, a partire dal mese di gennaio. Informazioni e prenotazioni: 333.7853003 – 335.8341092 – info@teatroinstabili.com.

Tags:

Ti Potrebbe anche Piacere

Prossimo