CARICAMENTO

Scrivi per cercare



Aggressione omobofa del ternano al mare, è polemica: “Grave il silenzio di sindaco e Giunta”

Cronaca e Attualità Terni

Aggressione omobofa del ternano al mare, è polemica: “Grave il silenzio di sindaco e Giunta”

Redazione
Condividi

TERNI– Come era inevitabile la vicenda tristissima del giovane ternano gay picchiato a San Benedetto del Tronto insieme agli amici che lo hanno difeso diventa terreno di scontro politico. L’associazione Esedomani insieme ai gruppi di opposizione in consiglio comunale esprimono preoccupazione per il silenzio istituzionale del Comune che non ha espresso nemmeno solidarietà ai giovani ternani, nemmeno per l’aggressione in sè.

La nota. Pd, M5S, Senso Civico e Terni Immagina, in una nota scrivono: “Neanche davanti a gravi episodi di discriminazione denunciati da giovani ternani in vacanza, sui quali sono in corso accertamenti da parte delle autorità, il sindaco di Terni riesce a svestire i panni dell’indifferenza ideologica e a proferire parole di condanna e solidarietà. Alle famiglie ternane dei giovani rimasti coinvolti nel grave episodio a San Benedetto del Tronto esprimiamo noi solidarietà e ci auguriamo venga presto fatta chiarezza e giustizia. La città, se sarà confermato quanto accaduto, non può che essere orgogliosa dei giovani intervenuti in difesa e sostegno del loro coetaneo bersaglio di discriminazioni”.

Esedomani. Durissimo il commento dell’associazione Esedomani: “Non si discrimina solo chi è gay (o LGBTQ+) ma anche chi difende e aiuta un amico/a. Si discrimina anche con il silenzio dell’istituzione comunale. A quanto pare un cittadino omosessuale e i suoi amici non si meritano la solidarietà di Leonardo Latini sindaco di Terni e della sua Giunta”.

 

Tags:

Ti Potrebbe anche Piacere