giovedì 29 Luglio 2021 - 13:22
21.8 C
Rome

Aeroporto, la Regione corre in soccorso e ripiena le perdite dello scalo

La Regione, attraverso il suo braccio operativo Sviluppumbria, ha quindi deciso di anticipare la copertura totale delle perdite

PERUGIA – Approvato all’unanimità dei soci della Sase, la società di gestione dell’aeroporto dell’Umbria, il piano di rilancio e risanamento dello scalo. La Regione, attraverso il suo braccio operativo Sviluppumbria, ha quindi deciso di anticipare la copertura totale delle perdite ed ha interamente sottoscritto la ricostituzione del capitale sociale anche per conto degli attuali soci, “fermo restando il diritto di opzione da esercitare entro il 30 settembre”.

 

Bilancio Gli atti sono stati compiuti in occasione dell’assemblea della Sase. Questa ha approvato sempre all’unanimità il bilancio 2020 che “in conseguenza della pandemia Covid” è risultato negativo per un milione 599.509 euro.

Tesei La presidente della Regione Donatella Tesei, intervenuta in apertura dei lavori, ha sottolineato “la strategicità” della struttura aeroportuale per le ricadute economiche che ha su attività turistiche e sul territorio dell’Umbria. Ad avviso della governatrice è “impensabile pensare di privarsene, anche a fronte dei 60 milioni investiti negli ultimi anni dai soci”. L’aeroporto – ha evidenziato ancora Tesei – è una struttura “nodale” per i trasporti regionale e per la sua possibilità di “incrementare l’incoming”. “Il piano industriale e la capacità di collegare lo scalo con hub internazionali, come ad esempio Monco – ha detto Tesei -, porterà dei benefici per far arrivare turisti internazionali”.

Comuni I Comuni di Assisi, Bastia Umbra e Perugia hanno già espresso in assemblea la volontà di partecipare al ripiano delle perdite ed esercitare il diritto di opzione per la propria quota mentre la Camera di Commercio di Perugia e Terni entro il massimo del 10%.

- Pubblicità -spot_img

Ultime Notizie

More articles

- Pubblicità -spot_img

Ultima Ora

Agi