CARICAMENTO

Scrivi per cercare

A Perugia l’incontro con Diego Fusaro

Eventi Perugia Cultura e Spettacolo Extra Città

A Perugia l’incontro con Diego Fusaro

Redazione cultura
Condividi

Palazzo dei Priori, sede del comune di Perugia

PERUGIA – Sarà la sala della Vaccara di palazzo dei Priori a Perugia a ospitare il prossimo 24 gennaio (ore 18.00) un nuovo appuntamento con il “Circolo dei Lettori di Perugia” che vedrà protagonista Diego Fusaro, che dialogherà con Francesco Forlin. La conferenza sarà incentrata sull’ontologia dell’amore a partire dal libro “Il nuovo ordine erotico. Elogio dell’amore e della famiglia“ (Rizzoli), con riferimenti ai classici del canone occidentale, da Platone e Aristotele, fino a Agostino e Hegel. Ingresso libero.

Diego Fusaro (Torino, 1983) insegna storia della filosofia presso lo IASSP di Milano (Istituto Alti Studi Strategici e Politici), di cui è anche direttore scientifico. Laureatosi a Torino in Storia della filosofia, ha conseguito nel 2011 il dottorato in Filosofia della storia presso l’Università Vita-Salute San Raffaele di Milano, con una tesi su Reinhart Koselleck. Ha svolto attività di ricerca presso l’Università di Bielefeld in Germania. Allievo di Costanzo Preve e di Gianni Vattimo a Torino, è studioso della filosofia della storia e delle strutture della temporalità storica, con particolare attenzione per il pensiero di Fichte, Hegel, Marx e per la “storia dei concetti” tedesca. Nel luglio 2013, il quotidiano “La Repubblica” l’ha qualificato come uno dei tre giovani filosofi europei più promettenti. Dirige la collana filosofica “I Cento Talleri” dell’editrice Il Prato ed è il curatore del progetto internet “La filosofia e i suoi eroi” (www.filosofico.net). Codirige, inoltre, la collana “Biblioteca di Filosofia della Storia” dell’editore Mimesis e la rivista filosofica “Koinè”. Dal 2008 al 2012 è stato segretario delle collane di storia della filosofia di Bompiani dirette da Giovanni Reale (“Il pensiero occidentale” e “Testi a fronte”). È editorialista de “La Stampa” e de “Il Fatto Quotidiano”. Si definisce “allievo indipendente di Hegel e di Marx”.

Tra i suoi libri più famosi: “Bentornato Marx!” (Bompiani, 2009), “Essere senza tempo. Accelerazione della storia e della vita” (Bompiani, 2010), “Minima mercatalia. Filosofia e capitalismo” (Bompiani, 2012), “Il futuro è nostro. Filosofia dell’azione” (Bompiani, 2014), “Idealismo e prassi. Fichte, Marx e Gentile” (Il Melangolo, 2013), “Antonio Gramsci. La passione di essere nel mondo” (Feltrinelli, 2015), “Pensare altrimenti. Filosofia del dissenso” (Einaudi, 2017).

Tags:

Ti Potrebbe anche Piacere