CARICAMENTO

Scrivi per cercare

A Perugia la presentazione in anteprima nazionale del libro di Sergio Rossi

Eventi Perugia Cronaca e Attualità Cultura e Spettacolo Città

A Perugia la presentazione in anteprima nazionale del libro di Sergio Rossi

Redazione
Condividi

PERUGIA – Al via domani (29 settembre) alle ore 22.30 all’auditorium Santa Cecilia di Perugia, nell’ambito Sharper – Notte Europea dei Ricercatori, la presentazione in anteprima nazionale di Einstein l’aveva capito. La scoperta delle onde gravitazionali (Feltrinelli Editore, settembre 2017), libro di Sergio Rossi, scrittore e fisico laureato all’Università di Perugia. Durante l’incontro con il pubblico, inserito in Scommettiamo sul Nobel?, l’autore dialogherà con il professor Helios Vocca dell’Università per gli Studi di Perugia (ingresso libero). Nel settembre del 2015, durante un esperimento molto particolare, vengono rilevate onde gravitazionali prodotte dalla fusione di due buchi neri. Addirittura di queste onde si riesce a sentire il suono! Esattamente cento anni prima, Albert Einstein aveva descritto le onde gravitazionali, che costituiscono il caposaldo della Teoria della relatività generale, senza però poterle rilevare. Il libro racconta un’avventura straordinaria: quella di un genio che era riuscito a capire cose verificate solo cento anni dopo e quella dei fisici che dopo di lui hanno continuato a cercare nella sua direzione.

La presentazione sarà anche occasione, quindi, per parlare del nuovo importantissimo risultato, annunciato proprio mercoledì 27 settembre nell’ambito del G7 Scienza di Torino, con la prima osservazione congiunta di onde gravitazionali da parte di tutti e tre i rilevatori. Un segnale di onda gravitazionale, prodotta dalla coalescenza di due buchi neri di masse stellari, è stato misurato con inedita precisione dai due rilevatori di LIGO (Laser Interferometer Gravitational-Wave Observatory), che si trovano negli Stati Uniti, a Livingston, in Louisiana, e a Hanford, nello Stato di Washington, e dal rivelatore VIRGO, che ha sede allo European Gravitational Observatory (EGO) a Cascina, vicino a Pisa, fondato dall’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare (INFN) italiano e dal Centre National de la Recherche Scientifique (CNRS) francese. La rete globale di interferometri Ligo-Virgo ha quindi aperto una nuova era per la scienza delle onde gravitazionali. Questo risultato dimostra il potenziale scientifico della rete globale di rilevatori di onde gravitazionali, che consente una migliore localizzazione della sorgente e la misura delle polarizzazioni delle onde gravitazionali. Si tratta della quarta rivelazione di onde gravitazionali prodotte dalla fusione di un sistema binario di buchi neri. Questo nuovo evento è rilevante non solo per l’astrofisica, ma anche perché è il primo segnale di onda gravitazionale registrato dal rivelatore VIRGO.

Tags:

Ti Potrebbe anche Piacere